I migliori romanzi classici della letteratura tedesca

13 Set di rosychianese

I migliori romanzi classici della letteratura tedesca

La letteratura tedesca è da sempre un colosso molto apprezzato da chi ama i romanzi classici di cui è ricca. Proprio per questo in questo articolo vedremo insieme quali sono stati i più grandi autori che hanno fatto la storia di questa letteratura e che ti consiglio di leggere o di rileggere nel caso in cui ti siano piaciuti. Leonardo Sciascia sosteneva che “il libro è una cosa: lo si può mettere su un tavolo e guardarlo soltanto, ma se lo apri e leggi diventa un mondo”. E la letteratura tedesca è un mondo grande e interessante in cui, leggendo questo articolo, ti immergerai.

I Buddenbrooks (Thomas Mann)

I Buddenbrooks è una famiglia benestante che vive a Lubecca ed è costituita da quattro generazioni che hanno di giorno in giorno costruito la propria rovina. Thomas Mann ha ricostruito i valori morali e il tipo di vita dell’800 ispirandosi alla propria storia familiare e alle sue vicende, ed è riuscito con successo a scrivere uno dei più grandi capolavori della letteratura tedesca.

Noi i ragazzi dello zoo di Berlino (Christiane F)

In Noi ragazzi dello zoo di Berlino viene descritta nei particolari la società di Berlino in modo molto preciso, pesante che arriva a toccare le nostre coscienze. La protagonista è una tredicenne che è molto preoccupata della superficialità e del vuoto di una società che non è in grado nemmeno di vedere cosa si sta verificando tra la stazione Zoo e Kürfustendamm. La giovane Christiane all’età di dodici anni utilizza droghe leggere e poi arriva all’eroina, rovinando la sua vita, proprio per questo vorrebbe chiudere con questa roba. Nel libro si racconta oltre a questo ogni vicenda della sua vita e di chi ha il problema della dipendenza da droghe e il suo rapporto conflittuale con i genitori che, sembrano vicini ma, in realtà, sono completamente assenti.

Lui è tornato (Timur Vermes)

E se un giorno ci svegliassimo con Hitler al potere nel XXI secolo cosa accadrebbe e come prenderemmo questa cosa? Siamo a Berlino nell’estate del 2014 e Adolf Hitler si trova in una campagna nel centro città, dopo essersi svegliato da un lungo sonno. Capisce subito che la guerra è finita e si chiede dove sia andata Eva nota, inoltre, che tutto ciò che lo circonda è diverso e che ci sono tanti stranieri e troppa pace e che a capo del Reich c’è, perfino, Angela Merkel. Viene ripreso da un reporter che immagina sia una persona che lo imita e Hitler pensa di avviare una nuova attività, non occultando mai la sua identità. Proprio per questo non verrà creduto ma nello stesso tempo tutti non riusciranno a fare a meno di lui e lo imiteranno.

Siddharta (Herman Hesse)

Hesse si ispira a un personaggio storico, Siddharta Gautmana, cioè Buddha, e ha al centro la storia di un ragazzo indiano che ricerca incessantemente le felicità. Le tematiche del romanzo portano a una profonda riflessione perché trattano la ricerca di sé, la ricerca della felicità nelle piccole cose e la riscoperta della saggezza.

I dolori del giovane Werther (Goethe)

Goethe qui affronta le tematiche del Romanticismo e del movimento dello Sturm und Drang, che era presente in quegli anni in Germania. Werther è profondamente innamorato di Lotte, una giovane bellissima già promessa sposa ad Albert. I due diventano amici ma anche Lotte si innamora di Werther e glielo confida, ma questo amore non potrà decollare perché dovrà sposare Albert e non potrà far nulla per cambiare lo stato delle cose.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *